Luoghi d’incontro

Abbiamo visto come Soresina, per l’intraprendenza della sua gente ed il fiorire di attività artigiane e commerciali, fosse naturalmente deputata ad essere “luogo d’incontro” per gli abitanti di un vasto territorio. Lo conferma il fatto che presto divenne centro di mercato, di scambi, di fiere, occasione per incontri d’affari o di divertimento. Risale, infatti al 1492, precisamente al 2 marzo, la concessione ufficiale per l’effettuazione del mercato che da allora, senza interruzioni o spostamenti di giorno, si effettua ogni lunedì mattina. Del 21 Luglio 1625 è il decreto che autorizzava in Soresina una Fiera di vari giorni, dal 6 al 21 settembre, “… senza dacio alcuno …” prolungabile di altri quattro giorni in questo caso con pagamento del dazio.
Questa vocazione appartiene ancora a Soresina; a confermarlo sono i numerosi ben forniti negozi , l’operosità dei suoi artigiani, l’impianto urbanistico ottocentesco quasi intatto, con ampie strade, belle piazze e le varie occasioni “d’incontro” che da sempre offre.